L’ambasciatore che canta con la chitarra

Il flamenco è diventato recentemente patrimonio immateriale dell’umanità secondo l’Unesco, e Paco De Lucia suo degno ambasciatore. Il sessantatrenne artista spagnolo torna in Italia per un minitour tra Catanzaro, Cagliari e Roma mettendo insieme il meglio della sua produzione con l’apporto di una band di giovani e talentuosi interpreti di quella che è considerata la musica gitana per eccellenza.

ImageServer.ashx

Costantemente in tensione tra classicità e sperimentazione, De Lucia e il suo sestetto combinano il flamenco con influenze jazz e sonorità latine, realizzando così una forma espressiva assolutamente nuova. Considerato in Spagna una leggenda vivente, e unanimemente considerato dalla critica il più importante musicista legato al flamenco, egli è riuscito a portare il flamenco fuori dai confini del suo paese e a renderlo linguaggio universale.

Ho sempre amato il canto che ritengo la forma più diretta di comunicazione ed espressione dei sentimenti. Da ragazzino, comunque, ero troppo timido per cominciare a cantare. Così ho cominciato a suonare la chitarra come se stessi cantando e forse questa è la differenza che può esserci tra me e altri chitarristi. Non so leggere la musica e allora provo sempre a raggiungere il cuore del pubblico”.

4 commenti

  1. giovanni p.’s avatar

    Un bel post oltre che a una vera e sincera lezione di vita per chi vuole arrendersi…possiamo farcela!

  2. dj.spranghetta’s avatar

    gentile signora,
    trovo questo tuo blog molto interessante, così ho deciso di linkarlo sul mio blog, nella sezione amici.
    Lo definirò “un blog intelligente”. sei d’accordo?
    saluti
    sergio spranghetta

  3. Liquefy’s avatar

    che bella frase che ha detto Paco! Bella per due motivi: 1) far cantare una chitarra non è da tutti. 2) perchè, da timido, è riuscito ugualmente a farsi coraggio trovando una strada diversa invece di arrendersi.
    Grazie per il tuo commento sul mio blog.

  4. girolamo.delmoro’s avatar

    Bene cercherò di andare ad ascoltarlo quando verrà a Cagliari. Grazie per l’informazione

I commenti a questo articolo sono chiusi.